Specchio dell’anima

A veglia ritorno sulle reliquie di pensieri
alla deriva del tempo
dove riposi i sensi ad acquietare il respiro

Tra ninnoli di sogni e sommessi gemiti di pudore
ritrovo te che, senza illusioni,
attendi di ricongiungerti a questo corpo

Nell’abbraccio sussurrato
anima dell’anima
immagine speculare ti accolgo

e dalle polveri di un’indolenza usurata,
a nuova vita riemergo

Simona Scudeller
23/01/08

Annunci

5 pensieri riguardo “Specchio dell’anima

  1. Gia il titolo, definisce il baricentro del testo, che poi si sviluppa in immagini riflesse, piene di metafore, e di deviazioni creative.
    È il ritrovarsi, dopo un lungo cammino, fatto di incomprensioni e di dubbi.
    È il tormento introspettivo di comprendere il distacco, che prende l’essere umano nel suo percorrere i sentieri della vita.
    E qui Simona, ci trascina, voyeurs, ad osservare questo monologo-dialogo mentre si spoglia e si riveste, si ammira e si critica, nella posizione privilegiata dello stare con se stessi, e dentro di se.
    L’innocenza che si rimpiange e che di espia, tra illusioni, e voglie di piacere.
    Lo scoprire l’anima che avvolge, più che essere avvolta, un corpo che non prescinde da questa dipendenza.

    Tre strofe che sono tre quadri, di tempo, e di stasi.
    È poi un “abbraccio” un riappacificarsi con se, per un futuro nuovo e senza polveri, se non quelle della clessidra.
    Eleganza, nel lessico, e nella struttura.
    Versi lunghi, ancora una volta sintattici, dimostrazione della voglia di dire e nulla tralasciare.
    E in quella chiusa, dove il verbo “riemergere” antipodo geografico dello “specchio”, determina il corto-circuito vitale.
    È la consapevolezza dei valori, e del dono della vita da vivere.
    Sono queste le chiavi della poesia, i verbi.
    Sono i verbi utilizzati che mi hanno colpito:
    ritornare
    ritrovare
    ricongiungere
    accogliere
    riemergere
    E’ un fluido perfetto.
    è il filo che unisce il testo, nella sensibilità dell’autrice, e nella positività della visione.
    Si…è il piacere di potersi ritrovare.
    Con la propria anima.

    ancora una bellissima poesia di questa poetessa, discreta, sensibile, attenta e curiosa del mondo che la circonda, e che fa delle parole, un oggetto conoscitivo, più che soggetto formale…
    è la sua onesta intellettuale che ne fa artista vera…

    i miei complimenti Simona…
    ciao e un bacio
    Lorenzo

    Mi piace

  2. Bellissime queste tue parole allo specchio che portano profonde riflessioni di cio che era e cio che oggi è…la chiusa mi ha commosso..il video è stupendo..una canzone che in assoluto preferisco…ti abbraccio e ti auguro un dolce week-end…Sun

    Mi piace

  3. Versi che ho letto e riletto per assorbirne le più delicate sfumature emotive.
    Sensazioni come da ultimi istanti di un coma, col calore di un abbraccio ricongiunto, a portare luce dalla luce di una promessa da raggiungere.
    Scivolano eleganti queste tue parole, e pregne.
    Stordiscono quasi per la ricercatezza levigata a combaciare con sospiri poetici avvolgenti.
    E’ Poesia nel termine più alto di accettazione e vive pienamente nel tuo riemergere, anelito intensamente comunicato.
    Chapeau, amica mia!

    Mi piace

  4. Un osservarsi allo specchio e guardarsi nella profondità di sè, con un ieri, un oggi e un domani!
    E in quell’anima riflessa c’è il riconoscimento che come una fenice rinasce dalle proprie ceneri.
    Intensa e sentita.

    Bacio

    Dalila

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...