oltre l'ultima porta

porta 1 

parola bugiarda
colpa d’inchiostro
 devoto al peccato

 [gettami via
se non mi vuoi]

vaga sbiadito il pensiero
frammento diperso
dall’anima dissolta

[riduci la pena
di quest’attesa
]

silenzio incastonato
in un brivido sospeso

[sradica il desiderio
da questo fertile grembo
]

angolo muto
di un vuoto perfetto
risucchia il destino

[lasciami fluire
nel siero del nulla
]

fuori dal tempo
sensi avvolti
dal buio incombente

[imploderò
oltre l’orizzonte
della mente
]

verso l’ultima porta

Annunci

4 pensieri riguardo “oltre l'ultima porta

  1. poesia molto complessa, e tormentata…
    poetica rara in Simona, ma già presente in alcune sue prime..
    qui invece c’è una sorta di “apoteosi” nello stile e nel contenuto, appunto tormentato…
    è un percorso, o meglio l’ultimo tratto di un percorso e il testo rappresenta molto bene questo incedere sia in termini di intimo, sia in termine di scenario, sia in termini di emozioni dirette ed indirette…
    è una poesia scomponibile in cinque sezioni, nelle quali sono circoscritte compiute poesie…
    la prima sezione comprende le strofe 1, 3

    parola bugiarda
    colpa d’inchiostro
    devoto al peccato
    vaga sbiadito il pensiero
    frammento disperso
    dall’anima dissolta

    è la sezione “contenuto” è il fermo immagine di una situazione-stato d’animo dove la parola e il pensiero, sono avvolti da questo senso di colpa, tramite lo scrivere, dispersione per una anima che si dissolve…è lo scempio intimo conseguente ad un percorso pieno di falsi miti…(parola, e pensiero…appunto)

    la seconda sezione comprende le strofe 5,7,9

    silenzio incastonato
    in un brivido sospeso
    angolo muto
    di un vuoto perfetto
    risucchia il destino
    fuori dal tempo
    sensi avvolti
    dal buio incombente

    è la sezione “cornice” entro il quale si svolge il contenuto, è la cornice delle conseguenze, delle emozioni, del “sentire”….silenzio…brivido….muto….vuoto…risucchio..sensi…buio…
    è il suono e il colore di quel contenuto…è la eco…di quel grido della sezione precendente…

    la terza sezione comprende le strofe 2,4,6,8

    [gettami via
    se non mi vuoi]
    [riduci la pena
    di quest’attesa]
    [sradica il desiderio
    da questo fertile grembo]
    [lasciami fluire
    nel siero del nulla]

    è la sezione dell”implorazione”…”della preghiera”..
    è la ricerca della luce, della soluzione, della solidarietà….dell’aiuto insomma…verso l’esterno..ma forse ancor di più…verso se stessi..
    sono verbi imperativi….gettami…riduci….sradica….lasciami…
    che determinano una volontà, un senso di responsabilità, ma anche un senso di “purificazione”…di liberazione”…

    la quarta sezione comprende la strofa 10

    [imploderò
    oltre l’orizzonte
    della mente]

    è la sezione della “determinazione” “meta”
    dopo le strofe intime precedenti con verbi imperativi, in questa strofa intima, il verbo è al futuro semplice, verbo “obiettivo”…imploderò…oltre la ragione, esplosione inversa della mente, la concentrazione, la sintesi, la fissione…
    esplosione “atomica” che permetterà di superare quei confini razionali…

    verso l’ultima porta

    è la sezione “cardine”
    dopo l’oltre della precedente strofa…troviamo verso…questo cammino, ormai delineato senza paura che determina l’attimo ultimo e coraggioso, per raggiungere l’ultimo scoglio, l’ultima prova, l’ultimo “tutto”…è la morte?…è la conoscenza?….è la rivelazione?…
    non si sa, tutto potrebbe essere…
    oltre quella porta, che potrà essere raggiunta, che potrà essere appena sfiorata, appena superata, ma l’importanza è quel verso…
    la gioia ritrovata, dopo il tormento del percorso, di avviarsi verso l’ultima porta, appunto…vivere nella sua interezza la magia della vita, difficile o traditrice che sia,,,

    stile originale, appunto, quello praticato da Simo in questo testo, stile come ho sentito, pieno di angolazioni, ma che non si discosta dalla peculiarità di quell’io intimo…

    versi respirati, (anche questo stile non consueto di Simona)..per rivelare la difficoltà nel dire, e iò tormento nel sentire…
    strofe brevi…per dare un segno forte, non confondibile, inequivocabile..
    gioco nel l’uso del lessico, tra verbi impersonali, verbi imperativi, verbi indicativi futuro…e tante allegorie…
    una gran bella poesia…i mie veri complimenti
    Lorenzo

    Mi piace

  2. Simooooooooo!!!
    Ciao, mia cara amicona*…
    Io mi soffermo subito su quella prima “parola bugiarda”, sovvenendomi il nostro discorso di stanotte sulla parola che nasce innocente e si colpevolizza in chi la legge.
    O in chi la scrive “colpevole”.
    E qui, con quella “colpa d’inchiostro/ devoto al peccato”, parrebbe proprio il secondo caso.
    E tutta questa tua splendida poesia in efficaci “controcanti” emotivi sembra un braccio di ferro tra desiderio di “lasciarsi andare” in balia d’ineluttabili percorsi ed il fermarsi nel “raziocinio” quasi supplicato.
    Ma è davvero quell’ultima porta che ha il peso di una scelta figlia di un pesante fardello di vissuto, nonostante le remore inconscie, come da copione.
    Piaciutissima, sai?
    E regali riverberi d’inusuale profondità, … mannaggia a te!!!
    p.s.: sempre sotto controllo il tuo “lago d’Iseo”? Ahahahah….
    Baciotto
    Olly

    Mi piace

  3. Ed è proprio quest’ultima porta che apre i varchi dell’indeterminatezza, del sentire sulla propria pelle tutto il vissuto ed il dolore che si ha dentro…Bella prova Simona, con quell’itercalare degli incisi, che paiono voler dare voce ad un inconscio che non sa trovare i modi, o forse la tempistica, di esternare tutto, bello o brutto che sia, in una versificazione semplice, ma efficace.Si aprano i varchi d’un mondo pieno di tutto ciò che desideri…il mio augurio per te, prima d’andare…lì dove non ci sarà posto per il perdersi.

    Carmen

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...