Pergamena del Tempo

Negli occhi di un mare diverso
splende luce di un sapere nuovo
Fluiscono lievi i residui privi di nutrimento
nei cunicoli senza fondo dell’anima
e lì si perdono come ceneri sottili 

-E’ l'età dell’inganno e della verità-

Dalla stasi al lento progredire d’emozioni
miele fresco lambisce sensi dimenticati
arcobaleni iridescenti di pensieri
al filtrare di raggi di abissi lontani
rivelano la vergine realtà

-Stenosi di un riflesso in movimento-
 
Tra effigi di echi purpurei
fragranze speziate di seta
sfiorano forme morbide di un corpo sopito
rinnovando  promesse consacrate sulla pelle
come antica pergamena consegnata al "Tempo"

Annunci

3 pensieri riguardo “Pergamena del Tempo

  1. Buongiorno, cara Simona, è un piacere fare la tua conoscenza.
    Questa lirica è bellissima per le immagini delicati, per il lessico aulico e pregnante, e per il messaggio che giunge e s'imprime.
    Faccio tanti complimenti alla tua vena poetica davvero sublime.

    buon weekend, un caro abbraccio.
    annamaria

    Mi piace

  2. È la poesia del “bivio” di quel momento che ci si trova davanti a specchi che riflettono il passato, i ricordi, il nostro essere arrivati li, e davanti a delle strade da percorrere, da intraprendere, un un viaggio senza ritorno.
    È un momento in cui ci ritrova nuovi, mentre la fame aumenta dentro e spinge la carne, la mante e l’anima, a sfide con l’infinito.
    In questo scontro di inganni e di verità…c’è il senso di progredire malgrado tutto..è il movimento che conta…è ritrovare il profumo della propria pelle…
    È ritrovare le tracce della propria anima, e ritrovare l’ininfluenza del tempo, sul Tempo.

    È una poesia di un rinnovamento, che permette di dare definizioni diverse agli eventi, passati e futuri..è la poesia del “me” ritrovato…
    Quello che permette di capire il piacere, ed il dolore, senza formule e cataloghi…ma vivendo il tutto, con la convinzione…appunto del movimento…
    Tre strofe molto intense, eleganti nella loro struttura di versi lunghi, che portano ad un respiro, di attesa…per un sospiro, nel verso isolato, che arriva come un risveglio, un disincanto..
    Mi piace tutta la poesia ma mi sono soffermato in modo particolare nell’ultima strofa:

    Tra effigi di echi purpurei
    fragranze speziate di seta
    sfiorano forme morbide di un corpo sopito
    rinnovando promesse consacrate sulla pelle
    come antica pergamena consegnata al "Tempo"

    non è solo la conclusione, o come si dice tecnicamente una “chiusa”, è un inizio, invece…è una partenza…
    questi echi, di parole dette….tra tessuti di piacere, e la sensazione di un “corpo erotico”…la pelle diventa pergamena su cui imprimere i sogni, i desideri, la ricerca della verità…
    davanti all’Essenza….

    Ritorni alla poesia dopo molto silenzio, in modo sublime, è come se in quel silenzio avessi tu accumulato energia da imprimere ad una eruzione…di dire e di condividere…
    È la lava…che porti dentro di te…
    Che si sente…nelle poesie…e nel tuo essere donna….
    Sei bravissima….Donna di Poesia…
    Ti bacio
    Lorenzo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...