adagio di un assillo

Inspiri il mio tormento
travesti e filtri il desiderio
restituisci ombra di brividi
in rivoli di fluido purpureo

Porgo a te queste mani
percosse dal dubbio
unte di furtivi amplessi

Salva in un respiro
depongo questa carne
speziata di seta e sudore
sul falò di fuochi profani

Sono chiodi i sospiri tuoi
crescono in ventre
assillo ondoso di adagi

e risacca divengo
abbraccio l’incestuoso frugare
perchè da te rinasco
figlia del sacro genio lascivo

mano

Annunci

3 thoughts on “adagio di un assillo

  1. la tua poesia è poesia di sensi e di carne, è una pagina del tuo essere femmina davanti a quel Lui, che ti conduce in quel viaggio misterioso e magico verso la conoscenza, di te, di Eros…
    sono parole sussurrate nell'intimità di un momento senza respiro, senza luce, senza scena…
    è il punto baricentrico del tuo essere nuova..
    ti bacio…poetessa dei sensi
    Lorenzo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...